Treno Arlecchino, un viaggio (prenotabile) nel passato

Treno Arlecchino, un viaggio (prenotabile) nel passato

Soprattutto per chi ama i treni la possibilità di poter fare (prenotando) un bel viaggio sul treno Arlecchino sembra un sogno che finalmente può diventare realtà: non capita tutti i giorni di poter avere a che fare con un mezzo di locomozione storico.

Treno storico simbolo del boom economico

Il treno Arlecchino è infatti l’elettrotreno inaugurato nel 1960 che per molti anni è stato considerato uno dei simboli del boom economico di quegli anni e quindi del benessere. Ovviamente, prima di essere rimesso su rotaia, il treno è stato restaurato, dotato di sistemi di sicurezza al passo con i tempi e di comfort aggiornati.

Il lancio di questa nuova vita del treno Arlecchino è stato caratterizzato da un successo incredibile: i biglietti sono andati sold out in meno di due giorni per un viaggio di inaugurazione da Bologna a Roma, con tappa intermedia a Firenze, che è stato in grado di conquistare i turisti che hanno deciso di farne parte. Va sottolineato che erano state migliaia le richieste per far parte del primo viaggio e non stupisce dato che questa locomotiva vanti moltissimi estimatori proprio per la sua appartenenza ai ruggenti anni Sessanta.  Un successo decretato anche dalle sue linee di design e dalle prestazioni che all’epoca erano considerate futuristiche e prevedevano la presenza di salottini con belvedere e colori vivaci, tra le altre cose questi ultimi fautori del suo nome.

Nuovi viaggi per gli appassionati

Il primo viaggio dopo tanti anni del treno Arlecchino è stato comunque per pochi, grazie a un evento specifico dedicato all’unico esemplare sopravvissuto dei treni del gruppo ETR 250. Ha spiegato Luigi Cantamessa, direttore generale della Fondazione FS Italiane:

Dopo tanta attesa l’Arlecchino, che ha fatto sognare intere generazioni di italiani con il suo belvedere frontale, torna per servizi turistici sulle linee ferroviarie più belle e panoramiche del nostro Paese. Un successo enorme non atteso, considerato che in appena 48 ore tutti i posti disponibili sono andati esauriti, a fronte di migliaia di richieste pervenute. Con il ritorno sui binari dell’ETR 252 Arlecchino, vengono avviati i servizi di turismo ferroviario esperienziale a grande velocità, realizzati con la flotta di elettrotreni rapidi che hanno fatto la storia delle Ferrovie dello Stato.

Chi non è riuscito a partire questa volta potrà prenotare il proprio posto in uno dei viaggi previsti nel corso dei prossimi mesi rimanendo aggiornato sul sito della Fondazione FS, dove è già possibile prenotare altre corse su altri treni storici. Il treno Arlecchino vanta una storia incredibile: il 23 luglio del 1960 partiva da Bologna verso Venezia in concomitanza con le Olimpiadi di Roma, offrendo ai suoi passeggeri lusso e comodità con tanto di vista panoramica.

Un’eccellenza del Made in Italy che è giunto fino a noi proprio grazie al recupero e al restauro della Fondazione.

Leggi anche

Viaggi all’estero, Spagna meta più ambita

Viaggi all’estero, Spagna meta più ambita

Viaggi a sorpresa 2021, Creta tra le mete più ambite

Viaggi a sorpresa 2021, Creta tra le mete più ambite

Come diventare travel designer: 3 consigli per iniziare

Come diventare travel designer: 3 consigli per iniziare

Estate 2021, boom di affitti brevi per vacanze

Estate 2021, boom di affitti brevi per vacanze

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]