Salute e benessere in viaggio

Non è mai abbastanza quando si tratta della salute in viaggio.

4 Giugno 2014 11:00

Non è mai abbastanza quando si tratta della salute in viaggio. I principali problemi di carattere sanitario che un viaggiatore potrebbe incontrare sono facilmente vitabili, se si segue questo breve vademecum sui comportamenti da seguire e sulle informazioni utili riguardo le malattie diffuse nel mondo. I consigli di carattere generale sono innanzitutto tre: effettuare le vaccinazioni obbligatorie per il luogo che si è deciso di visitare (se ce ne sono), preparare e mettere in valigia la “farmacia da viaggio” (antipiretici, antidolorifici, antidiarroici e antibiotici intestinali) e il kit da pronto soccorso (disinfettante, bende, cerotti, forbici, cotone, termometro), oltre a non dimenticare le importantissime creme solari e i repellenti per gli insetti.

Piccoli accorgimenti durante il viaggio sono rappresentati dall’evitare sempre il ghiaccio, le bevande non sigillate, la frutta sbucciata e la verdura cruda, tutti elementi che potrebbero recare disturbi all’apparato gastrointestinale. Un’ottima precauzione è anche evitare bagni in acqua dolce e il contatto con animali. Ma soprattutto, banalmente, lavarsi sempre le mani accuratamente, specialmente prima dei pasti e dopo aver utilizzato il bagno. Una buona cosa è non usare deodoranti profumati, che non solo potrebbero causare irritazioni cutanee a contatto con aria o sole diversi dai nostri, ma anche attirare insetti pericolosi.
Nei primi giorni dopo l’arrivo in un Paese a clima caldo è consigliabile non esporsi a lungo ai raggi solari per evitare colpi di sole (che si manifestano con cute fredda, pallida, umida, senso di svenimento e calo di pressione) e colpi di calore (mal di testa, cute secca, calda, arrossata, febbre elevata). In questi casi è opportuno riposare in un ambiente fresco e ventilato e applicare impacchi freddi sul corpo. L’esposizione al sole durante il soggiorno deve essere evitata soprattutto se si stanno assumendo farmaci, in particolare gli antibiotici, al fine di evitare azioni indesiderate a livello cutaneo.

Ma ci sono altri comportamenti in cui conviene mettere attenzione, a parte il lato sanitario vero a proprio. Quando si è in viaggio, per esempio, è bene evitare di mangiare troppo, anche perché lo stress da viaggio, causata dai bruschi cambiamenti delle condizioni climatiche o delle abitudini quotidiane richiedono un certo adattamento.
Infine, un’altra cosa che a volte sottovalutiamo è l’importanza di segnalare al nostro medico eventuali malattie cutanee, malattie veneree, febbre, diarrea o dimagrimento eccessivo, che potrebbero essere messe in relazione a un viaggio effettuato anche alcuni mesi prima.

Foto | Flickr

Abbiamo parlato di: , ,