Viaggio di nozze? Colletta e galateo

22 settembre 2014 5:37

viaggio di nozzeOrganizzare un matrimonio può essere l’evento più felice, ma é certamente anche molto stressante. Spose e sposi che corrono di qua e di là alla ricerca del ristorante, dei vestiti, delle bomboniere. Ma non solo: auto nuziale, addobbi floreali, fedi, scarpe, fotografo…

Un vero salasso e poi bisogna anche pensare alla luna di miele. Così, nonostante la crisi economica, i più non rinunciano a un viaggio di nozze. Come fare per non rinunciare al viaggio dei propri sogni? L’Italia ormai l’avete visitata tutta e la metà più ambita ora si trova oltreoceano.

Secondo l’associazione delle agenzie di viaggio il 35 per cento degli sposi romani sceglie di fare la lista di nozze in agenzia di viaggi. Ecco come gli sposi non rinunciano a una honeymoon da capogiro: cresce la percentuale delle coppie che decidono di sposarsi dopo un periodo di convivenza e avendo già una casa (almeno in affitto) gli sposi organizzano questa “colletta” per partire dove desiderano.

Le mete più apprezzate sono la Polinesia e le Maldive, Messico e Sud Africa. Per un viaggio di nozze di questo tipo occorre sborsare circa 4000 euro a persona (se si sceglie di non farsi mancare nulla)

E aumentano anche le coppie che decidono di sposarsi all’estero: per essere valido anche in Italia, deve essere trascritto presso il comune competente e prima della partenza, gli sposi devono richiedere al comune di residenza le pubblicazioni di matrimonio.

Il sistema della lista nozze è, come spesso accade, un'”americanata” nata circa 100 anni fa e diffuso in Italia agli inizi degli anni Settanta.

Ma dove far accreditare agli invitati il denaro da regalare? Molti nella busta di invito inseriscono anche un bigliettino con il conto corrente su cui effettuare il bonifico. Altri ancora, più sfacciati, decidono di accettare le buste con il denaro durante la cerimonia nuziale, non sapendo che tale pratica (quella di accettare soldi contanti al posto di bonifici o assegni) é vietata dal galateo. Ma cosa volete che faccia un libro di buone maniere in un periodo in cui la crisi aleggia e i soldi scarseggiano?

Abbiamo parlato di: ,