Viaggiare in auto, 2022 anno degli aumenti record

Viaggiare in auto, 2022 anno degli aumenti record

Viaggiare in auto è stato da sempre considerato un modo per risparmiare su specifiche distante. Il 2022 può essere considerato l’anno della svolta, in negativo però.  E in un momento in cui il settore turistico è in ripresa.

Difficile spostarsi pagando poco

Sono stati due anni difficili quelli in cui la pandemia era incontrollabile dal punto di vista sanitario. E sebbene i contagi e i decessi siano ancora un problema, vi è stata una apertura importante nelle destinazioni, sfruttando il successo della campagna vaccinale. Per risparmiare e puntare su soluzioni low cost in molti hanno sempre optato per viaggiare in auto. Cosa che con il caro benzina non è poi molto conveniente.

Qualcosa di più si può risparmiare se si possiede un’auto elettrica o ibrida, ma è un dato di fatto che viaggiare in auto non è più sinonimo automatico di risparmio. Il problema è che a meno di offerte specifiche non lo è nemmeno utilizzare altri mezzi di locomozione. Gli aerei hanno sfiorato aumenti del 90% sul prezzo e treni e traghetti si aggirano su una forchetta che va dal 12 al 17% in più rispetto allo scorso anno.

Diventa quindi più difficile organizzare dei viaggi low cost. Anche se si decide di rimanere in Italia e dare vita a viaggi di prossimità. Spiagge e monti non ci mancano, città culturali nemmeno: quel che ci mancano sono i soldi per sopportare i costi del viaggiare in auto o in qualsiasi altro modo.

Caro benzina affossa il viaggiare in auto low cost

Non è una novità che il caro benzina stia facendo piangere gli italiani: dall’attacco della Russia nei confronti dell’Ucraina la crisi energetica che era già in atto alla fine del 2021 è peggiorata esponenzialmente. E purtroppo il taglio delle accise stabilito dal Governo Draghi per quanto utile non è stato sufficiente.

Il prezzo probabilmente scenderà nel momento in cui si incontreranno cali della domanda per forza di cose, ma le vacanze ci sono ora e il viaggiare in auto è necessario adesso. Il Codacons ha quantificato quanto si può arrivare a spendere per la tratta italiana più lunga, la Bolzano trapani. La spesa è di circa 400 euro di carburante, tenendo conto dell’andata e del ritorno, con un aumento di almeno 83 euro rispetto all’anno passato.  “Per un pieno di benzina si spendono in media 22,5 euro in più“, hanno spiegato. “Spesa che sale a +27,4 euro per un pieno di gasolio“.

È possibile quindi viaggiare low cost quest’anno? Sì ma solo se si trova l’occasione giusta, magari con un volo last minute.

Leggi anche

Partenza intelligente esiste davvero?

Partenza intelligente esiste davvero?

Viaggi a sorpresa, è boom tra i giovani

Viaggi a sorpresa, è boom tra i giovani

Zaini per viaggiare in aereo, è boom

Zaini per viaggiare in aereo, è boom

Compagni di viaggio, le app utili

Compagni di viaggio, le app utili

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]