Viaggi e cucina: i luoghi più evocativi

Cosa mangiare all'estero? Ecco i viaggi nei Paesi dove il cibo è una priorità

17 dicembre 2014 14:34

Viaggiare e provare le specialità locali. Una esperienza completa di soggiorno fuori, soprattutto se all’estero. Ci sono Paesi, a tal proposito, in grado di evocare solo nominandole delizie culinarie. A volte, per chi è disposto a “sacrificare” le proprie certezze: pasta, pizza e caffè, è piacevole scoprire che anche nel resto del globo si preparano meraviglie che il palato apprezza. Ecco qualche destinazione dove dedicare molte ore in un ristorante tipico, dopo un tour:

Barcellona, Spagna: Tapas

Si tratta di piccoli spuntini di vario tipo che bloccano la fame e permettono di mettere sotto i denti, nello stesso tempo, qualcosa di sfizioso. Qualche esempio tra i più noti? C’è la Patatas Bravas (delle patate con salsa al pomodoro piccante), ci sono i calamares fritos ( i calamari fritti), i boquerones (acciughe). Piuttosto note anche le croquetas de jamon (crocchette di prosciutto) e pimientos asados (peperoni arrosto). L’elenco potrebbe allungarsi di molto, ma se di tapas volete cibarvi andate in città verso la Rambla, che la sera si riempie di cittadini e turisti e mangiate tutto, ovviamente, con le mani.

Casablanca, Marocco: Couscous

pollo e couscous

Giunti in città la prima destinazione non può che essere direttamente Boulevard de la Corniche. In zona non mancano caffè e ristoranti a tema e una volta seduti, ordinate un tè alla menta e, ovviamente, il couscous. Ne esistono tante varietà, ma il piatto base è sempre formato da dei fini granellini di semola cotti al vapore in un recipiente adatto alla sua preparazione. Di solito è accompagnato da verdure o da uno stufato di verdure e carne o pesce.

Shangai, Cina: ravioli al vapore

ravioli cinesi

Sono ottimi e assaggiarli direttamente nella patria di produzione è certamente un’altra cosa. In lingua locale vengono chiamati xiaolongbao e sono protagonisti in molte occasioni. Sono dei bocconcini che sembrano delle palline di pasta e dentro conservano del brodo caldo di maiale, gamberi o verdure. Vengono riempiti quasi sempre con una gelatina che si scioglie a diretto contatto con il vapore. Meglio, dunque, evitare di mangiarli in un solo boccone, ma mordicchiarli per far uscire lentamente il composto bollente.

Penang, Malesia: Nasi Goreng

nasi goreng

E’ un piatto che in loco prima o poi visiterete. Letteralmente significa “riso fritto” ed è tipico anche in Indonesia e a Singapore. Si prepara lasciando friggere questo alimento con pollo o pesce, verdura, uova e salsa di soia dolciastra. Se è vero che lo trovate in qualunque ristorante, i posti migliori dove provarlo sono le tipiche bancarelle dei venditori ambulanti nell’isola di Penang. Il sapore è particolare grazie ai metodi di cottura malese, cinese, indiano e baba-nonya.

New York, Usa: Hot Dog

hot doh

In America questo veloce piatto da fast food è un vero sinonimo della dieta locale. Certamente ottimo, è diventato simbolo alla lotta all’alimentazione scorretta che, a lungo andare fa ingrassare e causa disturbi al corpo di vario tipo. In vacanza, però, bisogna provare l’originale anche perché in loco si trova una delle più grandi varietà di ristoranti al mondo. Di solito, è un pasto che si consuma all’esterno, acquistandolo dai venditori che si trovano lungo le strade.

Photo Credit: Thinkstock