Safari, come vestirsi e quale attrezzatura portare

safari

Dedicare una vacanza ad un safari è un desiderio comune a molti e, anno dopo anno, sono sempre di più coloro che decidono di “aprire ” il cassetto dei sogni e realizzare un progetto che, con un minimo di organizzazione, non ha più cifre esorbitanti. Il bisogno di ritrovarsi a contatto con la natura, di visitare i pochi polmoni di flora e fauna semi incontaminati della terra, il brivido di sentire quel “mal d’Africa” che sembra non risparmiare nessuno, sono tutti ottimi motivi per iniziare a risparmiare, sin dai primi mesi dell’autunno. In linea di massima, comunque, chi deve preparare un viaggio di questo tipo deve portarsi dietro degli abiti adatti ed una attrezzatura video e fotografica indicata  per l’occasione, per non perdersi lo spettacolo che gli animali in libertà possono offrire.

L’abbigliamento ideale è comodo, leggero e naturale ed i colori da preferire sono molto chiari, come il bianco o la tonalità sabbia, in modo da allontanare pure eventuali insetti, mosche tse-tse o zanzare, portatrici queste ultime dell’ancora temibile malaria. L’unico inconveniente, come è facile capire, è che si sporcano più facilmente, di un meno impegnativo nero o rosso ad esempio. Tuttavia i colori sgargianti,  per la presenza di animali anche aggressivi, sono da evitare, in particolare se si decide di effettuare dei lunghi percorsi a piedi e non soltanto in jeep. La quantità di cambi, dipende dalla lunghezza e dal tipo di safari: chi soggiorna in lodge esclusivi, chiaramente, vivrà in un lusso maggiore e, quindi, potrà portarsi solo un paio di magliette e altrettanti pantaloni, rispetto a chi si trova in un semplice campo tendato, dove non esiste neppure il servizio lavanderia.Indispensabile un maglioncino ed una giacca antivento per la sera o per le zone a grandi altitudini, oltre che dei comodi scarponcini.

Per fotografare quante più specie possibile, i game drive diurni sono i migliori, quando molti animali sono stanchi dalla caccia notturna e hanno meno energia ed, inoltre, il fuoristrada funge sia da nascondiglio per non farli scappare, che come ottima base d’appoggio per la realizzazione di immagini non sfuocate. Una macchina reflex è più indicata magari con un teleobiettivo minimo di 200 mm. Mai dimenticare il binocolo, preferibilmente nei modelli 10×50 per avere un campo visivo maggiore.

Leggi anche

Turismo Spaziale con Blue Origin e Virgin Galactic nel 2019

Turismo Spaziale con Blue Origin e Virgin Galactic nel 2019

Québec: sulla strada per Wendake, alla ricerca dei nativi canadesi

Québec: sulla strada per Wendake, alla ricerca dei nativi canadesi

Alle Bahamas, l’emozione unica di immergersi con gli squali

Alle Bahamas, l’emozione unica di immergersi con gli squali

Il Getsemani, l’Orto degli Ulivi: ricordi di viaggio

Il Getsemani, l’Orto degli Ulivi: ricordi di viaggio

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]