Nicaragua, cosa vedere e consigli di viaggio

Un Paese particolare e ancora non turistico è il Nicaragua, dove vivere grandi avventure in mezzo alla natura

22 agosto 2014 20:12

spiagge nicaragua

Il passato del Nicaragua è recente e tormentato, ma oggi si avvia a diventare una destinazione turistica, in grado però di nascondere scorci selvaggi e affascinanti. Il clima è tropicale e al centro e sulla costa pacifica,  i mesi più secchi sono certamente dicembre e gennaio. Se, invece, scegliete la costa caraibica, il momento migliore, quello con il clima più asciutto va da marzo a maggio. Meglio evitare, invece, i mesi tra settembre e ottobre perché c’è il rischio di uragani.

tramonti nicaragua

In Nicaragua, le città e in generale i luoghi più interessanti da prevedere durante un tour, sono:

  • Managua: è la capitale, di solito affollata e a rischio tensioni. In ogni caso, è interessante, soprattutto, l’area di Plaza de la Repùblica.
  • Laguna de Xilòa: si trova a venti chilometri dalla capitale ed è una destinazione perfetta per lo snorkeling e per le immersioni. I pesci colorati, infatti, non mancano.
  • Bluefields: ha una splendida foresta pluviale e nell’aria si sente il ritmo di reggae. Un po’ faticoso ma suggestivo il percorso in barca sul Rio Escondido.
  • Isole Maiz (Corn Islands): sono due diverse per dimensioni e si trovano nel Mare dei Caraibi. La distanza dalla costa è di 80 chilometri. Lo spettacolo è garantito tra sabbia chiara e palme.
  • Las Isletas: è formata da circa 350 isolotti.
  • L’isola Zapatera: è parco nazionale e zona archeologica ed è distante pochissimo da las Isletas.
  • San Juan de Nicaragua: sul Pacifico tra pescherecci caratteristici. Il confine con il Costa Rica è piuttosto vicino.

nicaragua

Tra le attrazioni e i monumenti da inserire nell’itinerario c’è di certo la cattedrale di Léon, ma se adorate l’avventura e cercate emozioni forti potete scalare un vulcano a scelta. C’è per esempio Masaya, Madera e Conception. Si può fare trekking in alternativa nella foresta della Selva Negra. Altre escursioni che possono interessare sono quelle alla volta del Parco Nazionale Volcàn Masaya. Qui oltre allo spettacolo paesaggistico, è importante soprattutto la storia. Un tempo nel vulcano gli indigeni erano soliti gettare le fanciulle. Il motivo era legato alla paura che la dea del fuoco potesse arrabbiarsi e causare violenti disastri. Questo era, dunque, considerato un modo per placarla.

Certamente in Nicaragua, non è tutto rose e fiori e, come è noto, ci sono problemi come la povertà diffusa, ma anche la prostituzione minorile e il turismo sessuale. Piaghe difficili da debellare. Gli stranieri devono fare attenzione, consiglio che in ogni caso è valido pure in altri Paesi, perché sono facilmente presi di mira dai ladri e le zone al confine con l’Honduras sono da evitare, perché non sicure. In Nicaragua, da non dimenticare, poi, lo squalo leuca che è l’unico in grado di vivere nell’acqua dolce al mondo. Si trova nel lago di Nicaragua e pur essendo pericoloso è ovviamente molto interessante da vedere.

mare nicaragua

In definitiva un viaggio da queste parti è sempre emozionante, basti pensare che un quinto del territorio è area protetta. Vi si trovano vulcani, giungle, laghi e spiagge e qua e là, tesori precolombiani. Il visitatore può scegliere il tipo di percorso da seguire, anche se sono soprattutto coloro che amano l’avventura a divertirsi.

Photo Credit: Thinkstock

 

Abbiamo parlato di: