Malesia: come arrivare a Johor

Malesia: Johor, i luoghi di interesse e i mezzi di trasporto per arrivare e spostarsi

2 novembre 2014 22:59

E’ lo stato più a sud della penisola malese. E’ diviso in otto distretti che sono: Johor Bahru, Pontian, Batu Pahat, Muar, Mersing, Kota Tinggi, Kluang e Segamat. Nonostante in questo Paese siano molti i luoghi a noi più noti da vedere, una visita in loco è sempre una piacevole scoperta.

Come arrivare a Johor

johor funa

Johor Bahru si trova a 368 chilometri da Kuala Lumpur e si impiegano per giungere alla meta, circa cinque ore. Per fare prima e arrivare in tre ore circa, si può prendere la North-South Expressway, una autostrada a pagamento. Ci si può spostare facilmente anche verso Singapore però, in tal caso usufruendo del servizio ferroviario nazionale. Gli abitanti di quest’ultimo Paese adorano partire per la Malesia e soprattutto per questo suo splendido angolo. Con il nuovo servizio di traghetti, poi, il viaggio è ancora più semplice. Questi partono dal Changi Point di Singapore e si fermano a Tanjung Belungkor.

monumento johor

In aereo, invece, l’aeroporto di Johor Bahru si trova a 32 chilometri dalla città, precisamente a Senai. Si può optare per la Malaysia Airlines che collega l’aeroporto Sultan Ismail di Senai a Kuala Lumpur, Kota Kinabalu, Kuala Trengganu, Kuantan e Kutching. C’è poi Air Asia che unisce JB a Kuala Lumpur, Kota Kinabalu e Kutching. Un servizio navetta collega il Water Front City e Jb per l’aeroporto e per tutti i voli in arrivo e in partenza tra le 5 e le 19. Il pullman si ferma anche al Copthorne  Hotel di Singapore.

johor

Si trovano semplicemente pure i taxi nel Johor ed hanno il tassametro. In ogni caso, la maggior parte degli autisti sono disposti a concordare il prezzo. Da non dimenticare, poi, la Causeway che è lunga 1038 metri ed è stata completata nel 1924. Vi passa anche la ferrovia, che collega Johor Bahru a Singapore. I veicoli che da Singapore vanno in Malesia devono pagare un pedaggio simbolico.

johor tour

L’aspetto del Johor colpisce il visitatore soprattutto per le piantagioni di ananas, di gomma, di cocco e di palme da olio. A breve distanza villaggi di pescatori, mentre intorno le bellezze naturali sono innegabili e varie. Si va da spiagge dorate a isole al largo della costa, da zone perfette per le immersioni alle riserve forestali. Chi ama il verde, di solito, non si perde ad esempio il Parco Nazionale di Endau-Rompin, al confine tra il Johor e il Pahang. Le promesse di esperienze emozionanti non sono mai disilluse. Moltissimi sono gli animali che si vedono qui e in zona. Buona parte di essi sono in via di estinzione, come il rinoceronte a due corna. Per non parlare delle rocce e le colline della riserva che si dice siano vecchie di oltre 250 milioni di anni. Nel parco, ci sono pure leopardi, elefanti, tigri e cervi. Al suo interno spiccano le cascate di Kuala Jasin e le città di Upih Guling e Buaya Sangkut.

I turisti che giungono in Malesia e si spostano verso il Johor, ancora, possono trovare alcuni dei più bei campi di golf del Paese e dell’Asia.

Photo Credit: Thinkstock

Abbiamo parlato di: