Le più belle chiese di Vienna

Quando si parla di Vienna, si ricordano meravigliosi e fioriti giardini, la bellezza di Sissi ma, soprattutto, l’imponenza della sue chiese e del resto il simbolo della città è proprio la cattedrale Stephansdom, di architettura gotica. Quello che crea l’edificio religioso è un forte contrasto, in un luogo dove spiccano tantissimi elementi barocchi. Tale stile risale soprattutto al periodo intorno al 1683, quando ne furono restaurate molte, nonostante non manchino esempi ben più antichi e in stili del tutto differenti. Di solito, comunque, gli interni sono riccamente decorati ovunque e, durante la giornata, si possono visitare tranne nel caso sia in corso una celebrazione o un evento particolare. Non sono rari gli appuntamenti legati agli spettacoli di recitazione o ai concerti d’organo.

Ecco altre chiese che non bisogna assolutamente dimenticare di visitare quando ci si trova nella capitale dell’Austria:

  • Peterskirche: con la sua alta cupola a dominare il paeaggio e l’assetto urbano circostante.
  • Michaelerkirche: con un interno medievale tra i più interessanti di tutta Vienna. La facciata, invece, è in stile neoclassico, con la presenza di un trionfo di angeli barocchi in stucco, aggiunti però successivamente.
  • Maria Treu kirche: importante da vedere insieme alla piazza circostante, dove sorge una statua di Maria Immacolata.
  • Augustinerkirche: di origine gotica, è l’antica parrocchia degli Asburgo. Di primaria importanza è la tomba realizzata per l’arciduchessa Maria Cristina da Antonio Canova.
  • Maria am Gestade:risale al XIV secolo e più di cento anni fa, venne restaurata. Da osservare con attenzione, anche il pannello gotico del XV secolo che raffigura l’Annunciazione.
  • Ruprechtskirche: è la più antica di Vienna con la navata principale e il campanile di tipo romanico. Le restanti navate, invece, sono in stile gotico così come il coro. Le vetrate, infine, sono del XIV secolo.
  • Stephansdom: con l’altare di Wiener Neustadt del 1477, dono di Federico II.
  • Jesuitenkirche: con la volta sorretta da molte colonne tortili e una cupola con affreschi trompe-l’oeil.
  • Franziskanerkirche: con l’altare maggiore prodotto da Andrea Pozzo, in cui si trova una statua boema della Vergine.
  • Karlskirche: con la cupola, i minareti e i padiglioni laterali.

Related Posts

Templi orientali nuovo trend di viaggio?

Templi orientali nuovo trend di viaggio?

Cosa vedere ad Ivrea: tra storia e laghi

Cosa vedere ad Ivrea: tra storia e laghi

Pompei, il sito archeologico da visitare

Pompei, il sito archeologico da visitare

Cosa vedere a Perugia, tra arte e storia

Cosa vedere a Perugia, tra arte e storia

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]