Esperienza emozionante in Basilicata con la funivia “Volo dell’Angelo”


E’ un progetto praticamente unico in Italia che conquista, anno dopo anno, giovani e meno giovani ed, inoltre, sta da qualche tempo incrementando il turismo in Basilicata, con la relativa crescita economica proveniente da questo settore. Ancora, almeno venti ragazzi hanno trovato una nuova occupazione, nonostante la struttura sia aperta soltanto per quattro mesi all’anno. Si chiama “Il Volo dell’angelo“, l’emozionante esperienza dedicata agli intrepidi che vogliono provare la sensazione di spostarsi per circa un minuto e mezzo, a notevole altezza, sorretti soltanto da un cavo di acciaio. All’inizio questa forma di divertimento, è stata molto contrastata, soprattutto dagli ambientalisti che non vedevano di buon occhio la possibilità che fili e tiranti potessero trovarsi al centro di panorami spettacolari nelle Dolomiti Lucane e deturpare così l’ambiente. Tuttavia l’iniziativa è stata subito molto apprezzata e, quindi, l’iniziativa va avanti con entusiasmo.

Questa quarta stagione sembra avere tutte le carte in regola per far lievitare, ulteriormente, le prenotazioni. In questo modo, oltre a vivere una esperienza certamente indimenticabile, i visitatori potranno apprezzare la montagna lucana e scoprire le particolarità di zone non troppo pubblicizzate, eppure bellissime. Nella regione, infatti, sono presenti cime maestose e per gran parte dell’anno innevate, l’unico problema è legato al fatto che gli impianti sciistici non possono competere con quelli abruzzesi o, ancora meglio, del Nord.

Il percorso lungo il quale si effettua il “Volo” è di 1.420 metri, per una altezza massima di 400 metri. Considerato che gli impianti sulle Dolomiti Lucane sono i più alti del mondo, con pochi altri esemplari in Europa, sarà facile cmprendere il grosso potenziale che nascondono a livello turistico. In questo senso, va fortissimo la Francia dove tale sport viene detto “Fantasticable” , ma in Italia si può addirittura salire su due linee differenti il cui dislivello è di 118 e di 130 metri. La prima è detta di San Martino e parte da Pietrapertosa per arrivare a Castelmezzano. L’altra, Peschiere, percorre la strada al contrario.

foto di: mondinuovi

Leggi anche

Turismo Spaziale con Blue Origin e Virgin Galactic nel 2019

Turismo Spaziale con Blue Origin e Virgin Galactic nel 2019

Québec: sulla strada per Wendake, alla ricerca dei nativi canadesi

Québec: sulla strada per Wendake, alla ricerca dei nativi canadesi

Alle Bahamas, l’emozione unica di immergersi con gli squali

Alle Bahamas, l’emozione unica di immergersi con gli squali

Il Getsemani, l’Orto degli Ulivi: ricordi di viaggio

Il Getsemani, l’Orto degli Ulivi: ricordi di viaggio

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]