Immersioni in relitto

levanzo

Il mare, si sa, conserva moltissimi segreti: storie e vite cancellate in pochi attimi dalla sua furia o dall’inesperienza umana. Nonostante sembri calmo e invitante, a volte può trasformarsi portando con sè tutto quello che vi si trova intorno.Per questo l’oceano è uno dei più grandi cimiteri a livello archeologico del mondo, visto che nelle sue profondità si possono trovare resti di oggetti risalenti praticamente a qualunque periodo della vita sulla Terra. Tra i suoi “tesori”, particolarmente suggestivi ma anche inquetanti sono i relitti, presenti a decine in ogni sua parte. Tuttavia per gli amanti dell’avventura e delle immersioni, esistono quattro luoghi da non perdere e si trovano in Sudan, Tasmania, Bahamas e nella italianissima isola di Levanzo.

Dai Caraibi all’Australia, quindi, ci si può allontanare dalla folla e dai classici percorsi turistici per avventurarsi alla ricerca di leggendarie navi magari sognando improbabili tesori custoditi nel loro cuore. Il Sudan, a tal proposito, con il suo Mar Rosso, non è troppo frequentato e presenta un piacevole clima tropicale, con una temperatura delle acque che non supera i 27 gradi. Qui si trova il particolare relitto dell’Umbria, un mercantile italiano autoaffondatosi nel lontao 10 giugno del 1940. Si trova a circa quaranta metri di profondità sul Wingate reef, al largo di Port Sudan. L’SS Nord, in Tasmania è uno dei siti più intatti a riguardo e su un fondale di quarantadue metri, vicino a Cape Pillar, è possibile scorgere una nave ormai popolata stabilmente da diverse specie marine. Tuttavia in questa zona sono perennemente in corso delle forti correnti che sconsigliano l’immersione a i non esperti.

Alle Bahamas, invece, si può visitare The’o Wreck il relitto più famoso delle isole caraibiche, che si trova a largo di Freeport, presso l’isola di Gran Bahama. “Riposa” a trenta metri di profondità e, nel 1982 è stato convertito in un reef artificiale.La soprintendenza delle Belle Arti, infine, protegge Cala Ninnola sull’isola di Levanzo dove a trenta metri di profondità giace addirittura un relitto risalente al II secolo a.C, abitato dalla fauna marina e arricchito dalla presenza di cocchi greco-italici.

foto di: subacquea

Leggi anche

Turismo Spaziale con Blue Origin e Virgin Galactic nel 2019

Turismo Spaziale con Blue Origin e Virgin Galactic nel 2019

Québec: sulla strada per Wendake, alla ricerca dei nativi canadesi

Québec: sulla strada per Wendake, alla ricerca dei nativi canadesi

Alle Bahamas, l’emozione unica di immergersi con gli squali

Alle Bahamas, l’emozione unica di immergersi con gli squali

Il Getsemani, l’Orto degli Ulivi: ricordi di viaggio

Il Getsemani, l’Orto degli Ulivi: ricordi di viaggio

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]