Sri Lanka: monumenti e attrazioni principali

Lo Sri Lanka è un piccolo paradiso naturale dove non manca un clima confortevole, una ricca biodiversità di flora e fauna e una morfologia particolare. In questo modo, quindi, potrete godere della magnifica vista di foreste tropicali pluviali e giardini botanici, senza contare le montagne, le vallate, i laghi e le cascate in perfetto contrasto con spiagge bianche e barriere coralline spettacolari. Le rovine accanto alle città principali, sono state dichiarate Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco e testimoniano come già 2300 anni fa,  la popolazione utilizzasse la forza idraulica tramite serbatoi artificiali. Interessanti resti si trovano, in questo senso, ad Ananradhapura, Sigiriya, Polonnaruwa e Kandy.

Il passato di quest’isola non sempre è stato tranquillo ed, infatti, restano a ricordo centinaia di templi, monasteri, giardini, dipinti, sculture, incisioni e architetture antiche e coloniali che parlano delle epoche che furono. Da non perdere, quindi, il Sito Patrimonio Mondiale di Galle Fort. Alle feste religiose e culturali tradizionali, si affiancano i rituali moderni come il cricket, le partite di rugby, le corse di cavalli e i tornei di biliardo. Ecco cosa non dovrebbe mancare in un ipotetico itinerario del turista che rimanga nello Sri Lanka per più di una settimana:

  • Tempio del Dente, Kandy
  • Giardini Botanici Reali,Peradeniya
  • Orfanotrofio di elefanti, Pinnawela
  • Galle Fort
  • Sigiriya
  • Antiche rovine di Anuradhapura e Polonnaruwa
  • Piantagioni di tè e miniere di gemme

Se, invece, siete più interessati alle strutture religiose, ecco cosa potrebbe lasciarvi a bocca aperta:

  • Tempio di Embekke, vicino a Kandy
  • Tempio di Dambulla Rock
  • Munneswaram, nei pressi di Chilaw
  • Moschea Jumi-Ul-Affar Jummah, Pettah
  • Chiesa di Holy Trinity, Nuwara Eliya

Se si vogliono organizzare itinerari in piena libertà, senza essere costretti a fermarsi quando vuole la guida o lo richiedono altri turisti, allora il consiglio è quello di noleggiare un’auto o un minibus con conducente per un periodo di tempo che sia almeno di quindici giorni, anche per abituarsi al nuovo ambiente dopo un lungo viaggio.

Leggi anche

Come organizzare una vacanza a Torre Lapillo: case vacanze, spiagge e luoghi da visitare

Come organizzare una vacanza a Torre Lapillo: case vacanze, spiagge e luoghi da visitare

Viaggio in camper, le destinazioni più cool

Viaggio in camper, le destinazioni più cool

Corsica tutta da scoprire

Corsica tutta da scoprire

Perché scegliere un viaggio in catamarano

Perché scegliere un viaggio in catamarano

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook!

Per darvi il meglio collaboriamo con

case editrici di viaggi

Categorie

Chi siamo?

La nostra idea è quella di realizzare una community dedicata ai racconti di viaggio e agli approfondimenti sul turismo.

I blogger, guidati dalla nostra FRANCESCA SPANO' presenziano tutto l'anno a decine di eventi organizzati dalle agenzie di stampa per ricavarne consigli utili a seguire individualmente i viaggiatori a costruire le proprie vacanze.

Incoraggiamo tutti coloro che desiderano ricevere informazioni su come costruire i propri itinerari a contattarci: [email protected]