Consigli per viaggiare in tranquillità

Lo spettro del coronavirus spaventa tutti ed in particolare i turisti che temono contagi. In questo caso e non solo, per viaggiare in tranquillità, basterebbe mettere in atto alcuni semplici consigli al fine di poter affrontare gli spostamenti in modo corretto e privo di problematiche.

sicurezza in viaggio cosa fare

Sicurezza importante in ogni situazione

Prendersi cura della propria salute in viaggio è molto importante ed il turista deve essere pronto ad affrontare qualsiasi evenienza. Può essere un agente patogeno ma anche una catastrofe naturale o una tempesta: in ogni caso chi si muove da una parte all’altra del mondo deve essere capace di poter gestire la propria situazione e trovare una soluzione.

La prima cosa da fare è sapere a chi rivolgersi e quindi in tal senso avere sempre con sé dei numeri specifici da poter utilizzare in caso di necessità: consolati o ambasciate, contatti di medici che parlino la propria lingua o servizi legati alla salute. In modo specifico relativo alla propria salute è importante anche avere sempre un kit di pronto soccorso che possa aiutare a prendersi immediatamente cura di piccoli tagli o ferite. È basilare non farsi trovare impreparati, soprattutto se le emergenze rischiano di essere di grande portata: a seconda del paese nel quale ci si reca è consigliato il consulto dei siti governativi legati alla Salute senza fidarsi dei social network che nella maggior parte dei casi diffondono solo false informazioni.

Quali precauzioni prendere quando si viaggia

viaggiare informati per stare bene

Quando si viaggia non bisogna solo farsi trovare pronti, ma prendere proattivamente delle precauzioni, soprattutto se la destinazione è un luogo molto inquinato o se ci sono possibilità di contagi relativamente a virus e batteri. Questo si traduce nel lavarsi spesso le mani, indossare mascherine e non mangiare cibi freschi, soprattutto se non si ha modo di igienizzarli. Anche l’acqua deve essere confezionata.

Sarebbe meglio non muoversi verso destinazioni a rischio: in caso non se ne possa fare a meno bisogna avere un approccio responsabile. Se invece quando scatta una qualsiasi emergenza ci si trova all’Estero, la prima cosa da fare è contattare l’ambasciata italiana o i consolati sul territorio per avere informazioni valide ed un supporto. Questi uffici infatti, in diretto contatto con la Farnesina non solo possono aiutare le persone in difficoltà sul posto ma allo stesso tempo rassicurare eventuali parenti rimasti in Italia.

La parola d’ordine, quando si viaggia è organizzazione, accompagnata da sicurezza. Solo in questo modo è possibile spostarsi sicuri in qualsiasi caso.