New York: dieci consigli di viaggio per una vacanza in ogni periodo dell’anno

27 settembre 2016 9:20

 

Non siete mai stati a New York? Allora di certo sarà nei vostri sogni, anche perchè siete abituati a scoprirne gli splendidi contorni praticamente nel novanta percento dei film americani. Non temete, con un pò di sacrifico e cercando dei voli low cost con largo anticipo, non è impossibile organizzare un viaggio di questo tipo. Scopriamo insieme dieci particolarità della Grande Mela che è bene conoscere, quando si sta pianificando un soggiorno tanto speciale:

  1. I periodi in cui la città si veste di colori splendidi e le temperature sono più miti corrispondono con l’autunno e la primavera, non parliamo poi del Natale che è davvero unico. Si parla sempre infatti di tale festività a New York e perché non provare già nel 2016? In ogni caso, tutte le stagioni dell’anno vanno bene, ma tenete conto del fatto che l’inverno può essere molto freddo e l’estate particolarmente torrida.
  2. qui è meglio camminare a piedi, perché è costruita proprio a misura di pedone.
  3. moltissimi sono comunque i taxi gialli, anche se nei giorni feriali di pioggia dalle 8 alle 16:30 potreste avere difficoltà ad incontrarne qualcuno libero.
  4. la mancia è assolutamente obbligatoria. Nei ristoranti e nei caffè va raddoppiata la tassa e nei bar meglio un dollaro a consumazione.
  5. in quasi tutti i ristoranti dovrete prenotare anche se la maggior parte dei newyorkesi preferisce cenare nei bar.
  6. in qualsiasi luogo chiuso non vi sarà consentito fumare.
  7. per tutte le emergenze chiamate il 911.
  8. prima di dare la mancia controllate che non sia già incluso il servizio sul conto, abitudine che sta prendendo sempre più piede soprattutto quando sono presenti dei gruppi all’interno dei locali.
  9. non dimenticate in albergo i documenti, perché vi saranno richiesti all’interno di bar e ristoranti.
  10. la metro funziona 24 ore su 24 ed è rapida e sicura.

Qualche curiosità

I primi coloni europei che si insediarono da queste parti, sono stati gli olandesi ed hanno fondato le città di Fort Nassau, Fort Oranje e Nieuw Amsterdam. Poi toccò agli inglesi, che rinominarono quest’ultimo luogo proprio New York, in onore del duca di York. Lo stesso che poi divenne Giacomo II. L’area è la più popolosa degli Stati Uniti ed uno dei centri economici più importanti del mondo. In più, è la quattordicesima città più popolata del globo e si trova sull’omonima baia, New York Bay, in parte sul continente e in parte su isole. A livello amministrativo, è divisa in cinque distretti: Manhattan, The Bronx, Queens, Brooklyn e Staten Island.

Fondamentalmente è una città marittima con un clima con spiccate caratteristiche di continentalità. Presenta inverni lunghi e freddi e temperature che possono arrivare da zero a meno venti gradi. Non mancano le burrasche di neve e tempeste che la fanno balzare agli onori della cronaca. Le estati, invece, sono calde e umide con una media di 25 gradi a luglio. Nella bella stagione la pioggia può giungere spesso e comprendere vari quartieri cittadini, senza dimenticare le grandinate. Le ondate di calore però possono essere eccessive, con l’arrivo di masse d’aria meridionale, provenienti dal golfo del Messico. L’afa non è rara e le temperature possono superare i 35 gradi. In autunno possono mantenersi tepori semi-estivi o anche calura ma verso la sua fine può portare pure le prime gelate e raramente le prime nevicate. Questo è però un bellissimo periodo per osservare il foliage.

Foto credit: thinkstock

Abbiamo parlato di: